La legge 240/81 - Sardegna

La legge che ti dà la possibilità di ottimizzare i costi di gestione e beneficiare dei vantaggi fiscali derivanti dal contributo pubblico previsto dalla Legge 240/81.

La legge 240/81 è uno strumento di concessione di contributi agevolativi in conto canoni per le operazioni di locazione finanziaria di acquisto di beni mobili e immobili. Il leasing agevolato è:

  1. Conveniente: ti permette di dare un taglio ai tuoi canoni di locazione
  2. Semplice: ti permette di beneficiare sin da subito del sostegno e  dell’assistenza di professionisti esperti
  3. Flessibile: ti permette di acquistare i beni mobili (automezzi, macchine etc.) e i beni immobili (impianti, laboratori etc.)


 

Artigiancassa è al tuo fianco, che aspetti?


 

L’esperienza, la professionalità, le conoscenze tecniche della legge permettono ad Artigiancassa di curare con efficacia ed efficienza la completa gestione del leasing e di rendere semplice e chiaro l’intero iter autorizzativo.

 

Clicca “Per saperne di più” per avere informazioni e richiedere un appuntamento con Artigiancassa oppure “Simula” per scoprire come varia il canone del tuo leasing.

La legge 240/81 - Sardegna

La legge 240/81 è il principale strumento agevolativo, nel comparto del leasing, per sostenere lo sviluppo produttivo delle imprese artigiane e, in alcune Regioni, delle microimprese operanti nei restanti settori economici. L'agevolazione consiste in un contributo in conto canoni sulle operazioni di locazione finanziaria effettuata dalle Banche/Società di leasing in favore di dette imprese, al quale si affianca la concessione di un contributo in conto capitale e la possibilità per le imprese di richiedere un ulteriore contributo a fondo perduto che permette di ridurre il costo dell'eventuale garanzia rilasciata sul finanziamento da un Confidi.

DESTINATARI DELLE OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA AGEVOLATA

Le imprese artigiane costituite anche in forma cooperativa o consortile, iscritte agli albi di cui alla legge 443/85, con esclusione di quelli appartenenti ai settori riportati nel regolamento regionale.
È possibile che ci siano ampliamenti o restrizioni a questo elenco in base allo specifico regolamento.

DESTINAZIONE DELLE OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA AGEVOLATA

Impianto e/o ampliamento di locali; macchine, attrezzi strumentali e automezzi.
Per ulteriori dettagli si rimanda al regolamento regionale.

IMPORTO MAX E MIN AMMISSIBILE AL CONTRIBUTO

L'importo massimo concedibile dell'operazione di locazione finanziaria è:

  • € 325.368,00 per le imprese individuali e societarie;
  • € 697.217,00 per i consorzi di imprese non costituiti sotto forma di società cooperativa, per le imprese cooperative, per le società costituite da non più di due anni, derivanti dalla fusione di due  o più imprese preesistenti, iscritte nell'Albo delle Imprese Artigiane da almeno tre anni;
  • € 1.394.433,00 per i consorzi costituiti in forma di cooperativa, previsti dal 3° comma dell'articolo 6 della Legge n. 443/1985 (consorzi misti).

Per le imprese di produzione di beni i suddetti limiti sono elevati rispettivamente ad € 650.736,00 € 1.394.434,00 ed € 2.788.866,00. Sono escluse dall'agevolazione le operazioni di locazione finanziaria di importo inferiore a € 5.165,00.
Per maggiori informazioni relative alle diverse forme di società e destinazioni si rimanda al regolamento regionale.

DURATA DELL'AGEVOLAZIONE

Qualunque sia la maggior durata dei contratti di locazione finanziaria, quella ammissibile a contributo in conto canoni non può essere superiore a: 12 anni per beni immobili (15 per impresa di nuova costituzione); 6 anni per beni mobili (8 per impresa di nuova costituzione).

MISURA DEL CONTRIBUTO

Il contributo in conto canoni è determinato in misura percentuale del tasso di riferimento vigente alla data di stipula del contratto di locazione finanziaria pari al 64%.

Il contributo in conto capitale è riconosciuto nella misura del 50%, da calcolarsi sulla sola quota di spese già sostenute a titolo di anticipo al momento della presentazione della domanda di agevolazione.

Quando l'operazione per la quale viene richiesto il contributo in conto canoni è garantita, in misura pari almeno al 50% da un Confidi è possibile richiedere il contributo per la riduzione dei costi di garanzia con la medesima domanda di agevolazioni finanziarie. Il contributo per la riduzione dei costi di garanzia è pari allo 0,50% annuo dell'importo dell'operazione, per un massimo di 5 anni.

I valori della misura percentuale sono determinati da ogni Regione in correlazione a specifici ambiti territoriali e/o in correlazione a specifiche tipologie di investimento/imprese.

MODALITA' DI EROGAZIONE

I contributi sono accreditati direttamente all'impresa beneficiaria in unica soluzione in forma attualizzata, applicando quale tasso di attualizzazione il tasso di riferimento vigente alla data di attualizzazione medesima.

PRESENTAZIONE DOMANDA

Esclusivamente online, attraverso piattaforma elettronica fornita da Artigiancassa a banche, società di leasing e associazioni di categoria appositamente accreditate.